ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il principe Achmed secondo i fratelli Khoury

Lettura in corso:

Il principe Achmed secondo i fratelli Khoury

Dimensioni di testo Aa Aa

Un cineconcerto eccezionale all’Istituto del mondo arabo di Parigi. I Fratelli Khoury, accompagnati da jazzisti francesi contempoiranei, hanno suonato dal vivo il loro nuovo commento musicale a “Le avventure del principe Achmed”, il primo film d’animazione della storia, realizzato dalla tedesca Lotte Reininger nel 1926, un lungometraggio muto che in origine si avvaleva della partizione musicale scritta dal compositore tedesco Wolfgang Zelle.

Elia Khoury suona l’ud, Ousama Khoury suona il qanun, Basil Khoury, suona il violino e le percussioni orientali e ammette:

“Le musiche originali erano eccellenti, ma credo che la nostra versione mediorientale si accordi meglio con le immagini. Con i nostri strumenti tradizionali suoniamo anche ritmi jazzistici. Per questo siamo riusciti a spingere le possibilità musicali fino all’estremo limite”.

“Effettivamente inglobiamo elementi di jazz, di flamenco e di ritmi celtici – aggiunge Elia – In definitiva la nostra musica resta araba nelle atmosfere, ma è musica araba contemporanea”.

Tutto esaurito nella sala dell’Istituto del mondo arabo la sera del cineconcerto. Il gruppo Khoury sta avendo un grande successo con questo progetto. Il prossimo appuntamento sarà in maggio, a Marsiglia, quest’anno capitale europea della cultura, per l’inaugurazione del Mucem, il museo della civiltà europea e mediterranea.

I tre fratelli di origine palestinese sono cresciuti in Giordania e vivono a Parigi da 6 anni, dove hanno iniziato a collaborare con musicisti locali per finalizzare questo progetto di musica e immagini. Adesso si sono decisi a entrare in sala d’incisione:

“Sono tre anni che giriamo il mondo con questo progetto – dice Ousama Khoury- Tutto è a punto ormai, e possiamo registrare”.

E il fratello Elia aggiunge:

“È veramente il momento giusto per farne un cd o un dvd”.

“Ci siamo spinti fin dove potevamo con i nostri strumenti e abbiamo chiesto anche ai nostri amici musicisti di trovare dei nuovi suoni” spiega Ousama Khoury.

Il nostro inviato Wolfgang Spindler:

“Un film d’animazione tedesco degli anni Venti, con commento sonoro di musicisti palestinesi e francesi. Un grande progetto multiculturale molto apprezzato dal pubblico”.

“Si, mi è piaciuto molto” dice una piccola spettatrice”.

“Ci è sembrato molto poetico e simpatico” conferma una donna.

E un ragazzino: “La musica era bella e si adattava bene alle immagini”.

Un altro spettatore: “Ho apprezzato l’inventività della tecnica grafica”.

Ancora un bambino: “Musica e immagini si accordavano molto bene”.

“Indimenticabili, ci hanno fatto viaggiare” aggiunge uno spettatore” e un altro dice: “Davvero eccellente, grazie!”

Basil Khoury: “Siamo palestinesi, siamo davvero felici e forti, venite con noi!”

Cd e dvd de: “Le avventure del principe Achmed” con commento musicale dei fratelli Khoury sarà disponibile in aprile. Il cine concerto continua il suo percorso in giro per il mondo.