Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Cade la linea, ma resiste la produzione. Le due Coree “amiche” per denaro
close share panel

Condividere l'articolo

Twitter Facebook

Fra le due Coree cade la linea, ma resta in piedi l’attività industriale. Voce grossa e venti di guerra si inchinano all’imperativo della cooperazione economica.

Questa, almeno, l’impressione a Kaesong all’indomani del taglio dell’ultima linea rossa fra i due governi. Il transito di lavoratori sudcoreani conferma il miracolo di questo inedito “laboratorio di convivenza”, inaugurato nove anni fa: un distretto industriale finanziato da Seul in territorio del Nord, e che da allora porta nemici giurati a lavorare gomito a gomito, in nome del Dio denaro.

Le voci sudcoreane raccolte in giornata al confine si dividono tra noncuranza e timori. A chi dice che nulla sembra esser cambiato nelle ultime ore altri replicano dando sfogo alle inquietudini sempre crescenti dall’ultimo test nucleare di Pyongyang. “Quello – dicono – è stato il punto culminante. Venire a lavorare qui è per noi ormai troppo rischioso”.

Il timore è in particolare che Pyongyang alzi il livello di scontro e chiuda il confine, di fatto “imprigionando” sul suo territorio le centinaia di sudcoreani che lavorano a Kaesong.

Una prospettiva che sembra però scoraggiata da numeri: impiegati circa 50.000 nord-coreani, Kaesong è ormai tra le rare “casseforti industriali”, ancora capaci di pompare nel Paese dollari americani, per di più nell’ordine del miliardo e mezzo all’anno.

Oggi cruciale per l’affaticata economia del Nord, il distretto della “cooperazione forzata”, si ispira al principio squisitamente capitalistico di ottimizzare i margini di profitto, offerti dal basso costo della manodopera locale. Una fessura appena nella corazza ideologica di Pyongyang, a cui la sirena di dollari ed emancipazione economica dalla Cina, difficilmente consentiranno però di chiudersi.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni

Guarda le principali notizie di oggi