ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia-Israele, una riconciliazione vantaggiosa

Lettura in corso:

Turchia-Israele, una riconciliazione vantaggiosa

Dimensioni di testo Aa Aa

Le scuse di Israele alla Turchia per l’attacco di tre anni fa alla nave Mavi Marmara che portava aiuti a Gaza hanno molteplici obiettivi e si prestano a diverse letture. Le autorità dei due Paesi hanno subito annunciato la ripresa delle relazioni diplomatiche.

Il riavvicinamento, caldeggiato da Obama, rende ora possibile creare un fronte comune sulla Siria, ma consente anche sviluppi commerciali fondamentali.

“Penso che gli Stati Uniti, la Turchia e Israele – ammette l’ex diplomatico israeliano ad Ankara Alon Liel – siano tutti preoccupati per una situazione caotica che potrebbe emergere se Assad cadesse. Credo che dietro ci sia anche la questione dell’energia, Israele ha giacimenti di gas, deve venderlo e la cosa più naturale sarebbe esportarlo in Turchia. La Turchia ne ha bisogno.”

Nel 2010 alcune navi di attivisti avevano cercato di forzare il blocco israeliano attorno alla striscia di Gaza per portare aiuti alla regione assediata. Le forze speciali israeliane avevano abbordato le navi, scontrandosi con gli occupanti e uccidendone 9, otto dei quali erano turchi. I feriti furono decine.