ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, l'economia è ferma. Prevista disoccupazione record

Lettura in corso:

Francia, l'economia è ferma. Prevista disoccupazione record

Dimensioni di testo Aa Aa

Ombre scure si addensano nel cielo dell’economia francese. L’INSEE, l’ufficio nazionale di statistica, ha rivisto al ribasso le già modestissime previsioni per i primi tre mesi dell’anno. Il verdetto: crescita zero.

Bisognerà aspettare il secondo trimestre del 2013 per vedere l’economia salire di un minuscolo 0,1%. A fare da traino saranno soprattutto le esportazioni perché, come dimostrano anche i dati di marzo sulla fiducia delle imprese, i francesi sono sempre più restii a mettere mano al portafoglio.

“Una recessione è davvero il risultato più probabile, oggi, per l’economia francese” sostiene più pessimisticamente Tobias Blattner, analista di Daiwa. Il riferimento è alla contrazione dell’economia già vista nell’ultimo trimestre dello scorso anno.

“Se guardiamo allo spaccato dell’attività privata – sottolinea – vediamo che, stavolta, è il settore dei servizi a soffrire. Questo ci suggerisce quanto debole ormai sia la domanda interna, quella che, negli anni passati, era stata il pilastro della crescita francese.”

Stando al rapporto dell’istituto, l’indice che segnala gli umori delle imprese nel settore terziario è crollato a marzo. 84 punti, quattro in meno del mese precedente. L’industria manifatturiera ha sorretto il dato complessivo, più stabile a 86 ma ancora lontano dalla soglia dei 100 che indica le medie di lungo periodo.

Improbabile che gli acquisti nei negozi segnino una ripresa nel prossimo futuro, se la disoccupazione aumenterà come sostiene l’INSEE. Il tasso salirà al 10,8% nel primo trimestre e nel secondo potrebbe toccare addirittura l’11%. Livelli che in Francia non si vedevano dal lontano 1997.