ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un'impresa trovare il contante, a Cipro torna di moda il baratto

Lettura in corso:

Un'impresa trovare il contante, a Cipro torna di moda il baratto

Dimensioni di testo Aa Aa

Cittadini e imprese di Cipro sono con l’acqua alla gola a causa della chiusura prolungata delle banche.

È un’impresa trovare il contante per le spese quotidiane e i commercianti sono sempre più restii ad accettare assegni e carte di credito. Mentre sull’isola incombe l’incubo della bancarotta.

“Tutti cercano di risparmiare il denaro contante, quindi nessuno acquista e noi siamo costretti ad aspettare e vedere cosa accade – spiega Andreas Polemidiotis, proprietario di un negozio di abbigliamento – Le persone preleveranno il denaro agli sportelli bancari per i generi di prima necessità, in attesa di capire cosa accadrà in futuro”.

Sta diventando sempre più difficile fare rifornimento: i benzinai chiedono denaro contante per fare il pieno.

“La prossima settimana avvertiremo davvero il problema – sostiene Andreas Yannis, titolare di una stazione di servizio – anche nei vostri Paesi se le banche restano chiuse una settimana o due settimane, c‘è il fallimento”.

La necessità di disporre di contante rende più difficile anche pagare il personale nelle piccole aziende, producendo un effetto a catena.

“Per salvare l’economia del Paese siamo disposti anche a contribuire con i nostri soldi – dice Aris Louizos, un avvocato – perché tutto sta per crollare”.

Fra la popolazione si fa strada un sentimento antieuropeista. La moneta unica che prometteva benessere, impedisce persino di pagare i mutui. E a Cipro, nel 2013, torna di moda il baratto.