ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Malcontento in Egitto per la visita di Obama a Gerusalemme

Lettura in corso:

Malcontento in Egitto per la visita di Obama a Gerusalemme

Dimensioni di testo Aa Aa

Malcontento al Cairo per la visita di Barack Obama a Gerusalemme, vista come una provocazione e un sostegno alla politica di occupazione di Israele.

Basta con le parole, fanno sapere federazioni di categoria e attivisti egiziani che chiedono al presidente statunitense un impegno concreto per il processo di pace in Medio Oriente.

“Le sue promesse sono buone ma sfortunatamente, all’80 per cento non le ha concretizzate, una percentuale molto elevata”, commenta un egiziano, “l’America continua a sostenere Israele”.

“Questa visita, normale per un presidente appena riconfermato, non è in grado di risolvere i problemi”, aggiunge un altro residente, “siamo stanchi di queste visite, siamo stanchi di chi parla tanto, vogliamo da ogni visita un effetto sul campo”.

Nel suo viaggio di tre giorni, Obama visiterà anche Cisgiordania e Giordania.

“Quasi unanimi, gli egiziani pensano che la visita del Presidente degli Stati Uniti in Medio Oriente non porterà niente di nuovo ai fini di una soluzione politica tra palestinesi e israeliani”, commenta dal Cairo Mohammed Shaikhibrahim di euronews, “Le molte, ripetute promesse dell’amministrazione americana non sono riuscite ad attivare il processo di pace come promesso”.