ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Come recuperare la fiducia dei risparmiatori? Parlano i banchieri

Lettura in corso:

Come recuperare la fiducia dei risparmiatori? Parlano i banchieri

Dimensioni di testo Aa Aa

A chi affidereste i vostri risparmi? Pochi giorni fa, la risposta sarebbe stata, inevitabilmente, a una banca. Ma ora è stato creato un pericoloso precedente e l’opinione pubblica comincia a temere che neanche il conto in banca sia più al sicuro. Nicosia avrà anche rigettato la tassa sui depositi, ma il problema di fiducia che è nato dalla questione cipriota non scomparirà velocemente. Come lo affronteranno i banchieri europei?

La domanda si impone, l’attualità scavalca l’ordine del giorno previsto per la conferenza organizzata a Bruxelles dalla Federazione bancaria europea. Questi i pareri raccolti tra diversi esperti del settore.

Thierry Philipponnat, Segretario generale di Finance Watch

“In Europa c‘è uno schema di garanzia dei depositi: la decisione di non rispettarlo, molto semplicemente, è una scelta terribile, perché in qualunque sistema giuridico, se non rispetti le regole che tu stesso hai creato, l’effetto è il crollo della fiducia”.

Christian Clausen, Presidente EFB (Federazione bancaria europea) e amministratore delegato del gruppo Nordea

“Il settore bancario, ora, possiede il doppio del capitale rispetto all’inizio della crisi. Penso non solo che il sistema sia più solido, ma anche che lo sarà ancora di più nel futuro. I risparmiatori possono stare certi che i soldi depositati in banca siano al sicuro”.

Pat McArdle, Presidente del Comitato economico e monetario di EFB

“Le banche stanno facendo del loro meglio per recuperare la fiducia della gente. È una relazione economica tra due parti e la fiducia è alla base di ogni relazione. Penso che si tratterà di un processo lento, ma continueremo a lavorarci su”.

E proprio le banche, al centro della tempesta, restano chiuse a Cipro fino a giovedì. Alla riapertura, il governo dovrà aver trovato un piano B, che risparmi i depositi e faccia cadere la scure il più lontano possibile.