ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cipro: al vaglio la riapertura delle banche

Lettura in corso:

Cipro: al vaglio la riapertura delle banche

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo cipriota sta valutando se riaprire le banche giovedì e se imporre restrizioni di capitale sui ritiri.

Sono ore frenetiche a Nicosia: il capo di Stato ha incontrato i leader politici e il governatore della Banca Centrale cipriota per valutare il cosiddetto “Piano B”. Ovvero come uscire dallo stallo dopo il no del Parlamento al piano di salvataggio della Troika.

Una soluzione percepita come un diktat ingiusto inquanto avrebbe implicato il ritiro forzoso dai depositi bancari dei piccoli risparmiatori da una parte e dei grandi investitori dall’altra. Non un solo deputato ha votato sì alla proposta. Ora si aprono vari scenari, anche quello prospettato dalla Chiesa greco-ortodossa:

“L’intera ricchezza della Chiesa è a disposizione del paese – ha dichiarato l’arcivescovo Chrisostomos II. Per sostenere il popolo di Cipro, in modo che il sistema bancario non crolli, in modo da poter camminare da soli, senza sostegni esterni”.

L’archivescovo ha proposto di ipotecare i beni della Chiesa in cambio di titoli di Stato. Una misura per raccogliere quei 5.8 miliardi di euro che la Troika proponeva di recuperare tassando i conti dei risparmiatori. Condizione sine qua non per sbloccare 10 miliardi in aiuti.