ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vertice Cina-Stati Uniti. Al centro l'economia, tra rivalità e cooperazione

Lettura in corso:

Vertice Cina-Stati Uniti. Al centro l'economia, tra rivalità e cooperazione

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ un incontro diplomatico all’insegna delle novità quello che va in scena a Pechino: il nuovo presidente cinese Xi Jinping incontra per la prima volta un rappresentante del governo americano, il neo-nominato Segretario del Tesoro Jack Lew.

Un vertice di alto profilo in cui i due Paesi, d’accordo sul fatto di non essere d’accordo politicamente e su tanti altri temi, preferiscono focalizzarsi sull’economia.

“Attribuisco grande importanza – dice Xi Jinping – alla relazione della Cina con gli Stati Uniti, e vogliamo lavorare con gli americani per continuare a sviluppare questa partnership di cooperazione e seguire un cammino condiviso tra i due Paesi”.

“Dobbiamo anche continuare a lavorare assieme per ridurre le barriere agli scambi e agli investimenti tra i nostri due Paesi – gli fa eco Jack Lew – perchè maggiori scambi e investimenti saranno salutari per entrambe le economie.”

Quello del commercio è ovviamente il tema più caldo. Gli Stati Uniti vogliono che la Cina spinga i consumi interni e non gli export. Ufficialmente è per aiutare la ripresa globale, ma va detto che la bilancia degli scambi, finora, è stata decisamente a loro sfavore.

Non sorprendono, dunque, i round di negoziati per il libero scambio lanciati in Asia, ai quali Pechino ha risposto uscendo dalla sua “apatia” diplomatica con nuove iniziative per non farsi tagliare fuori.

Entrambi i Paesi, infine, denunciano troppe barriere alle proprie imprese da parte dell’altro. E c‘è anche spazio per il tema dei cambi: Washington chiede che la valuta cinese fluttui liberamente sui mercati senza controlli, la Cina – che ha grandi riserve in dollari – risponde: e voi cercate di stabilizzare la vostra.