ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, rimpallo di responsabilità sull'uso di armi chimiche

Lettura in corso:

Siria, rimpallo di responsabilità sull'uso di armi chimiche

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo di Bashar al Assad e i ribelli siriani si rimpallano le accuse di aver fatto uso di armi chimiche in un bombardamento avvenuto martedì mattina a ovest di Aleppo, nei pressi della sede dell’accademia di polizia conquistata dagli insorti circa due settimane fa.

Un fotografo della Reuters avvalora l’ipotesi dell’utilizzo di armi non convenzionai, affermando di aver visto persone che soffrono di problemi respiratori nella zona.

È stato il ministro dell’Informazione Omran al-Zoabi ad accusare i ribelli dell’attacco, che ha causato almeno 26 morti, aggiungendo che è la Turchia a fornire le armi chimiche agli oppositori del regime.

Ribatte il portavoce della Coalizione nazionale siriana delle opposizioni, Khalid Saleh:

“Stiamo cercando di appurare se, e sottolineo se, siano state usate armi chimiche. Ma in questo caso, è il governo ad avere accesso a tali armi e ad averle usate contro la popolazione”.

Anche la Russia accusa i ribelli diaver utilizzato bombe chimiche. Il governo britannico sostiene che l’eventuale accertamento del loro impiego “imporrebbe una revisione all’approccio utilizzato finora in Siria”.