ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Colesterolo alto: vantaggi, rischi ed effetti nocivi delle statine

Lettura in corso:

Colesterolo alto: vantaggi, rischi ed effetti nocivi delle statine

Dimensioni di testo Aa Aa

Le statine sono il farmaco più efficace per il controllo del colesterolo alto. Ma vanno usate anche per le malattie cardiovascolari?
Alcuni scienziati sono convinti che ci sia un abuso di statine, dato che vengono somministrate anche per malattie per le quali danno minori benefici.

In Francia i medici Bernard Depré e Philippe Even dicono che l’uso di statine è inutile. Even spiega che il colesterolo sarebbe dovuto a uno stile di vita poco salutare. Ora i pazienti si chiedono se sia il caso di continuare con le terapie.

Da quando ha avuto un infarto, Stéphane Ricois, si fa controllare regolarmente all’ospedale Georges Pompidou di Parigi. Fuma, mangia cibi poco sani e non fa sport. Il suo cardiologo è seriamente preoccupato per l’alto livello di colesterolo presente nel suo sangue.

“Non sapevo di avere il colesterolo alto fino a quando i medici non mi hanno informato” spiega Ricois. “Prima di allora non avevo mai fatto esami perché stavo bene”

Ora Ricois prende il Crestor, un farmaco della famiglia delle statine. Molti medici continuano a pensare che si tratti di pillole miracolose nella prevenzione di questa malattia e di quelle cardiovascolari.

“Nei pazienti con le coronarie deboli” – afferma Nicholas Danchin, cardiologo dell’ospedale parigino Georges Pompidou – “le statine non solo riducono il rischio di infarto, ma abbassano anche il rischio di morte. Anzi, lo allontanano. Prolungano notevolmente l’aspettativa di vita dei malati”.

Le statine sono tra i farmaci più prescritti nel mondo. In Francia almeno quattro milioni di persone ne fanno uso. Secondo le autorità sanitarie francesi, gli effetti collaterali sono minimi, paragonati alla loro efficacia. Un esperto conferma che il loro uso è attentamente monitorato:

“C‘è un controllo molto attento e scrupoloso su queste medicine e i loro effetti collaterali” afferma Joseph Emmerich, manager dell’Agence nationale de sécurité du médicament. “Comunque esistono pochi farmaci in grado di ridurre del 10% la mortalità come fanno le statine”.

Renaud de Langlade è a capo di diverse compagnie nel settore dell’elettronica avanzata. Ha sofferto di colesterolo alto e ha preso statine per 10 anni. Un vero calvario: dolore fisico, problemi di lavoro, addirittura una crisi familiare. Da quando ha abolito le statine è di nuovo un manager di successo. Queste medicine sono solo un brutto ricordo.

“Mi sentivo molto stanco” racconta de Langlade. “Tornavo a casa la sera e non avevo voglia di niente. Quando dico niente, intendo proprio niente di niente. Arrivavo in ufficio al mattino già spossato. Di fronte a un cliente non avevo reazioni. Dal momento in cui ho smesso di prendere le statine, quando ancora non avevo ripreso a fare sport, mi sono sentito dieci volte, dico dieci volte meglio. L’ansia, lo stress il dolore e l’insonnia erano spariti. Ho recuperato il ritmo di lavoro di una volta”.

Il cardiologo Michel de Lorgeril ha cambiato completamente idea sulle statine. L’obiettivo era prevenire danni cardiaci. Le ultime ricerche scientifiche hanno invece dimostrato che l’uso di questi farmaci non serve a niente ed è addirittura pericoloso.

“Arriveremo ineluttabilmente alla conclusione che queste medicine sono inutili e tossiche, che bisogna ritirarle dal mercato e rimborsare i pazienti” dice de Lorgeril. “Come già detto dal professor Even e dal professor Debré, se ci si vuole tutelare da infarti e malattie cardiovascolari, tutto è utile tranne le medicine contro il colesterolo”.

La ginnastica e un costante esercizio fisico quotidiano, per esempio un’ora di corsa o di palestra al giorno, possono essere di grande aiuto per la salute del cuore. Lo sport infatti facilita la circolazione del sangue nelle vene e nelle arterie.

Ma non basta. Vino e superalcolici sono quasi da bandire. Tabacco e nicotina sono due vasocostrittori e vanno eliminati. Una dieta ricca di frutta e grandi quantità di verdura condita con olio di semi di colza, abbassano il rischio di infarti.
Si tratta di piccole, ma importanti attenzioni, che possono allungare notevolmente la vita.