ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'utimo esorcismo II. L'arte della contorsione

Lettura in corso:

L'utimo esorcismo II. L'arte della contorsione

Dimensioni di testo Aa Aa

È in uscita la seconda parte del film “L’ultimo esorcismo”. Come nella prima parte, del 2010, la giovane Nell, interpretata da Ashley Bell, deve di nuovo fare i conti con il demone che la possiede.

L’attrice ventisettenne statunitense si era fatta conoscere proprio grazie a “L’ultimo esorcismo parte prima”. Per questo nuovo ruolo si è molto documentata:

“Ho visionato molti filmati sugli esorcismi. Di alcuni ho preferito ascoltare solo l’audio, perché le immagini sarebbero state troppo forti. Ho letto tutti i libri che ho potuto trovare. Mi sono interessata allo studio delle manie e dell’isteria. Per costruire la parte, è stata proprio l’isteria ad ispirarmi di più”.

Nel 2010 il primo film fu un grosso successo commerciale e Ashley Bell ottenne anche una nomination all’Independent Spirit award:

“Possiedo un’immaginazione sfrenata. Mio padre mi ha cresciuto a pane e film dell’orrore. Quindi posso immaginare qualunque cosa ed è una qualità che mi aiuta nel mio lavoro, credo”.

La pellicola promette di essere ancora più terrorizzante della prima parte. Per il resto, non ha nulla in comune con il capostipite del genere “L’esorcista” del 1973 di Michael Friedkin, con Linda Blair, che la Bibliioteca del congresso americano ha aggiunto alla lista dei film da preservare per il loro impatto culturale sulla società.