ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conclave, giorno numero 1

Lettura in corso:

Conclave, giorno numero 1

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono le ultime ore prima che venga pronunciato l’extra omnes: la formula che annuncia i sigilli e l’avvio del Conclave.

La Cappella Sistina ospita da oggi l’elezione papale più anomala da almeno 7 secoli a questa parte: la prima nella quale un Pontefice dimissionario conoscerà il nome del proprio successore.

Ieri si è celebrata l’ultima Congregazione nell’aula grande del Sinodo in Vaticano. Un’occasione durante la quale il Cardinale Camerlengo Tarcisio Bertone ha tra l’altro annunciato i porporati che lo aiuteranno durante i giorni del Conclave.

Simona Volta - Città del Vaticano

I Cardinali arrivano alla spicciolata, chi a piedi chi in auto, per entrare in Vaticano. Sorridono ai giornalisti, ai cameraman e ai fotografi che li attendono accalcati. Una selva di microfoni per provare a rubare un'ultima parola ai prelati che da oggi rimarranno nascosti al mondo intero. Chiusi 'cum clave' per scegliere chi tra loro prenderà il posto di Benedetto XVI. Quando provi ad avvicinarli, spintonato dalle gendarmerie vaticana, ti guardano e sembrano dirti 'mi dispiace, ma proprio non posso. L'ordine è di tacere'. Poi ti sfiorano con un sorriso e capisci che, forse, avrebbero voglia di lasciarsi andare. Di raccontare quel che hanno dentro. Perché non deve essere semplice avere sulle spalle una decisione simile. Una scelta che deciderà il futuro della Chiesa cattolica. E immagini che magari, qualcuno di loro, preferirebbe essere lontano mille chilometri da qui.

Il passaggio più importante ieri è stato quello nella Cappella Paolina: il giuramento sul Vangelo di tutti gli officiali e di tutti gli addetti al Conclave. In tutto circa 90 persone, inclusi infermieri ed autisti che scorteranno i Cardinali in Vaticano che hanno giurato sulla riservatezza. La scomunica è prevista per chi infrangesse il segreto nelle ore e nei giorni che precedono la fumata bianca.