ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela: Maduro presidente incaricato, l'opposizione contesta

Lettura in corso:

Venezuela: Maduro presidente incaricato, l'opposizione contesta

Dimensioni di testo Aa Aa

Nicolas Maduro ha giurato da Presidente del Venezuela: è il Presidente incaricato, quello che deve portare il Paese a nuove elezioni entro trenta giorni, come dice la Costituzione. La stessa Costituzione brandita dal Presidente del Parlamento, Diosdado Cabello, in una lunga introduzione, di fatto una violenta offensiva contro l’opposizione che aveva deciso di boicottare la cerimonia d’investitura, ritenendola un golpe costituzionale.

“Giuro nel nome della lealtà più assoluta al comandante Hugo Chavez che rispetteremo, e faremo rispettare questa Costituzione bolivariana, con la mano dura di un popolo pronto a esser libero, lo giuro”.

La formula scelta per il giuramento, e il discorso di Cabello che era partito da una spiegazione tecnica dell’articolo 233 della Costituzione per poi accusare l’opposizione con parole particolarmente aggressive, lasciano intendere la profonda divisione di un Paese che non ha più Chavez, ma continuerà a dibattersi tra chavismo ed antichavismo.

Henrique Capriles, il candidato che aveva perso alle ultime elezioni contro Chavez e che probabilmente affronterà presto Maduro, attacca: “È un’investitura falsa, nessuno ha eletto Maduro”, sottolinea.

L’opposizione contesta l’investitura di Maduro perché, proprio in forza dell’articolo 233, non avrebbe dovuto assumere l’incarico, essendo Chavez deceduto prima di poter giurare per il nuovo mandato. La maggioranza chavista interpreta invece lo stesso articolo in modo diverso: Chavez, dicono, era presidente da quattordici anni, aveva quindi già le funzioni presidenziali, e poco importa che non sia riuscito ad aprire formalmente il nuovo mandato.