ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I venezuelani e la rivoluzione, orfani di Chavez

Lettura in corso:

I venezuelani e la rivoluzione, orfani di Chavez

Dimensioni di testo Aa Aa

Detto addio al presidente comandante, il Venezuela orfano di Hugo Chavez si interroga sul proprio futuro e sulla sorte della rivoluzione socialista.

Una rivoluzione che ha ridato identità e orgoglio al paese ma che è troppo legata al solo carisma di Chavez, 4 volte presidente, il“Libertador del ventunesimo secolo” secondo la definizione di Nicolas Maduro.

“Questa non è la fine, continuerà per sempre”, spiega una venezuelana, “Chavez è vivo e vivrà fino a quando il mare non si asciugherà. La sua eredità continuerà a vivere nella gente, compresi i suoi figli e i suoi nipoti”.

“Chavez è nei nostri cuori e nessuno smetterà di lottare”, promette un’altra donna, “Sappiamo che ora più che mai la sua eredità vivrà e, se sarà il caso, daremo la nostra vita per assicurare che sia così”.

Ora gli occhi e le polemiche sono tutti per Nicolas Maduro, che assicura l’interim in attesa del voto.

“Nicolas Maduro è entrato all’Assemblea Nazionale come numero due e ne esce come presidente del Venezuela”, commenta Luis Carballo, di euronews dall’Assemblea Nazionale di Caracas, “Un’investitura del tutto legittima in base alla costituzione, dicono i chavisti pronti a difendere la rivoluzione a qualsiasi costo”.