ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Libano, vile aggressione all’arbitro


Sport

Libano, vile aggressione all’arbitro

Non si può certo dire che codesto sconosciuto calciatore dell’Al-Nahda, seconda divisione libanese, abbia digerito con fair play il cartellino rosso comminatogli dall’arbitro, Bachir Awasa, durante il match contro l’al-Salam Zgharta. Anzi, tutt’altro.

Pochi istanti dopo essere stato allontanato dal campo, infatti, il giocatore numero 21 prova a colpire con un pugno il direttore di gara.

Nonostante il primo tentativo andato a vuoto, il calciatore non si scoraggia e, supportato dall’allenatore e alcuni compagni, inizia a rincorrerlo per tutto il terreno di gioco.

Solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine, il malcapitato riesce poi a mettersi in salvo, senza particolari conseguenze.

Le scene, riprese da un canale televisivo locale, hanno suscitato grande scalpore in Libano.

A seguito dell’accaduto, Awasa ha deciso di interrompere la carriera arbitrale.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Sport

Tennis, arriva il passaporto biologico