Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Germania minaccia veto, Romania e Bulgaria rinunciano per ora a Schengen

Romania e Bulgaria rimarranno ancora fuori dall’aria Schengen. Alla vigilia del vertice convocato a Bruxelles per discutere l’ingresso nell’area di libero scambio di Bucarest e Sofia, la Germania minaccia il veto.

Una presa di posizione che ha spinto i governi delle due ex Repubbliche socialiste a non sollecitare il voto nella riunione ministeriale europea.

“Chiediamo di ricevere delle motivazioni, di sapere le ragioni. Ma quelle basate sui trattati, quelle basate sulle regole di Schengen, non quelle basate sulle considerazioni politiche – dice il ministro degli esteri romeno, Titus Corlatean – Non vediamo l’ora di discuterne nel prossimo incontro per capire meglio dove è il problema”.

Berlino ritiene che Sofia e Bucarest, entrate nell’Unione nel 2007, debbano progredire ulteriormente nella lotta alla corruzione e nella gestione dei flussi migratori.

“Per quanto riguarda la Bulgaria, sono sicuro che la reputazione del nostro Paese è identica a quella del suo primo ministro – sostiene Solomon Passy, ex ministro degli Esteri bulgaro – E il primo ministro bulgaro, in questo momento, non gode di una grande fama tra i suoi colleghi dell’Unione europea”.

Nel 2011 hanno varcato il confine tedesco 150mila cittadini bulgari e romeni, in maggioranza di etnia rom. Un arrivo in massa indipendente dall’ingresso nell’area Schengen, ma che trova una forte opposizione in Germania a pochi mesi dalle elezioni generali.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni

Guarda le principali notizie di oggi