ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il dolore e i dubbi dei venezuelani di fronte alla morte di Chavez

Lettura in corso:

Il dolore e i dubbi dei venezuelani di fronte alla morte di Chavez

Dimensioni di testo Aa Aa

“Viva il Comandante”, “Viva il Comandante” gridano le centinaia di persone che si sono radunate davanti all’ospedale militare di Caracas dove è morto Hugo Chavez. Il Venzuela perde la persona che ha guidato il Paese per quasi quindici anni, per molti è un momento doloroso: “Il mio cuore è a pezzi – dice una donna -. Chavez si è preso una parte del mio cuore”. “Il comandante ha lasciato un vuoto incolmabile – dice un uomo -, un uomo eroico che ha combattuto per il Venezuela, specialmente per noi, per i poveri”. “Noi siamo Chavez – grida una sostenitrice di Chavez -. Lunga vita a Chavez”.

Molti venezuelani erano convinti che le condizioni di salute del Presidente sarebbero migliorate. Alcuni pensano che non sia stata detta tutta la verità: “Non so se definirla una menzogna – dice un venezuelano -, ma prima hanno detto di avere parlato con lui, di avere avuto una conversazione, un incontro di lavoro e in 48-72 ore è successo questo”. “Credo che per il Venezuela sia meglio un futuro senza Chavez – dice un altro venezuelano -, ma lascia un’eredità. Non condivido le sue idee, ma lascia anche cose positive per il Paese”.