ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: ribelli catturano governatore di Raqqa, abbattuta statua di Hafez al Assad

Lettura in corso:

Siria: ribelli catturano governatore di Raqqa, abbattuta statua di Hafez al Assad

Dimensioni di testo Aa Aa

L’aviazione di Bashar al Assad bombarda Raqqa. È la risposta del regime ai ribelli siriani che lunedì hanno conquistato il capoluogo della provincia nordorientale.

Poche ore prima, gli insorti avevano comunicato la cattura del governatore Hassan Jalili e del segretario della sezione locale del Baath, il partito al potere da mezzo secolo.

Nelle ultime 24 ore, sono oltre 200 i morti da entrambe le parti.

Le forze di Damasco hanno lanciato un’offensiva anche contro i quartieri di Homs in mano ai ribelli, provocando decine di vittime.

E come accade da due anni a questa parte, gli attivisti anti-regime replicano con un’altra strage: nei pressi di Aleppo, la battaglia per il controllo della locale accademia militare ha causato oltre 100 morti secondo il quotidiano filogovernativo Al Watan.

Bashar al Assad non molla e parla di vittoria vicina. Non gli credono le centinaia di migliaia di profughi in fuga. Nella sola Turchia sarebbero oltre 250mila i siriani accampati nelle tendopoli allestite dalla comunità internazionale.

La battaglia si nutre anche di simboli. La conquista di Raqqa è stata comunicata dai ribelli con quest’immagine: l’abbattimento della statua del padre del presidente, Hafez al-Assad, che ha regnato prima di lui per 30 anni.