ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Museo Leonardo da Vinci di Milano, 60 anni guardando al futuro

Lettura in corso:

Museo Leonardo da Vinci di Milano, 60 anni guardando al futuro

Dimensioni di testo Aa Aa

60 anni e guardare ancora e sempre al futuro. Lo scorso mese di febbraio il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano ha festeggiato i suoi primi sei decenni di vita.

L’istituzione scientifica milanese è stata inaugurata il 15 febbraio 1953 da una mostra commemorativa dedicata al cinquecentenario della nascita di Leonardo da Vinci.
Sin da allora, il motto che ne ha caratterizzato l’attività è stato «il museo del divenire del mondo», come affermava il suo fondatore Guido Ucelli.

Principale museo scientifico italiano e tra i più importanti in Europa, il “Leonardo da Vinci” vanta oggi un patrimonio di 15mila beni storici e di 40mila volumi, esposti su una superficie di 25mila metri quadri.

Il menù delle celebrazioni ha proposto un’intensa giornata di attività speciali, che hanno richiamato più di dodicimila visitatori, invitati a seguire nuovi percorsi di visita.

Nei 13 laboratori interattivi il pubblico ha potuto mettersi alla prova con mortai e provette per catturare l’aroma dei cibi, hanno investigato lieviti e muffe, costruito un forno solare con scatole di cartone e alluminio, provato i modelli delle macchine di Leonardo da Vinci. Mentre i più piccoli si sono divertiti a creare insolite bolle di sapone e a giocare con l’equilibrio delle forme, i più grandi hanno potuto incontrare i ricercatori dell’Università di Milano che al Museo hanno il loro laboratorio dove studiano i materiali nanostrutturati.

I curatori del Museo hanno poi raccontato in modo inedito alcuni degli oggetti storici più significativi in esposizione, quali, ad esempio, la macchina da calcolo Olivetti – Programma 101, il detector magnetico di Guglielmo Marconi o l’elicottero sperimentale di Enrico Forlanini.

In occasione dei festeggiamenti è stato anche possibile salire gratuitamente a bordo del sottomarino Toti e del transatlantico Conte Biancamano, due “pezzi forti” dell’esposizione dedicata ai mezzi di trasporto.