ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'abito bianco aspetta il prossimo Papa

Lettura in corso:

L'abito bianco aspetta il prossimo Papa

Dimensioni di testo Aa Aa

Ancora non si conosce il nome del prossimo Papa, né tantomeno la sua taglia, ma già si sa che indosserà una di queste tre vesti, con tanto di scarpette di pelle rossa.

Da secoli al servizio dei Pontefici e del mondo ecclesiastico in generale, la sartoria Gammarelli di Roma ha giocato d’anticipo, suscitando la curiosità dei passanti che si sono fermati a fotografare gli abiti bianchi esposti in vetrina.

Il proprietario, LORENZO GAMMARELLI: “Sono tre vesti di lana bianca e una mozzetta di velluto rosso che il Santo Padre indosserà quando si affaccerà dal balcone per benedire la folla”.

L’abito papale è stato cucito da Teresa Palombini, la dipendente di maggiore esperienza della sartoria, che ha già vestito Giovanni Paolo II e Benedetto XVI: “Le piegheranno e le metteranno dentro una scatola con tutto l’occorrente: la sottana, lo zuccotto, le scarpe, la fascia… le taglie sono tre: piccola, media e grande”.

Per confezionare l’abito ci sono voluti dieci giorni, otto ore al giorno e niente straordinari. Un lavoro particolarmente “emozionante”, a quanto sostiene la sarta, perché Joseph Ratzinger è ancora in vita.

Preparata la veste, non resta che aspettare pazientemente la fumata bianca, che metterà fine a settimane di previsioni.