ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Peres bacchetta Erdogan: "Sul sionismo affermazioni pericolose"

Lettura in corso:

Peres bacchetta Erdogan: "Sul sionismo affermazioni pericolose"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Il Sionismo un crimine contro l’umanità?. Un’affermazione basata sull’ignoranza, che rischia perdippiù di soffiare sull’odio”.

La polemica innescata dal premier turco Erdogan rimonta fino alle alte sfere dello stato israeliano, portando a scomodarsi anche Shimon Peres.

In un’anticipazione dell’intervista che trasmetteremo martedì alle 20.10 ora centrale europea, il presidente israeliano ha fatto eco ai microfoni di euronews alla dura condanna che il premier Netanyahu aveva finora affidato a un comunicato.

“Sono molto amareggiato da quanto ha detto Erdogan – il commento di Peres – E’ un’affermazione che affonda le radici nell’ignoranza, e che soffia sul focolaio dell’odio. Non solo è totalmente inutile, ma anche del tutto infondata. La annovero quindi sicuramente tra gli episodi incresciosi di questi ultimi giorni”.

Equazione della discordia, quella secondo cui il sionismo sarebbe, al pari di fascismo ed antisemitismo, un crimine contro l’umanità.

Poche parole appena, pronunciate da Erdogan a Vienna lo scorso mercoledì, che poche ore dopo già mandavano su tutte le furie John Kerry. “Affermazioni deplorevoli”, il commento con cui il Segretario di Stato americano ha fatto eco da Ankara alla condanna nel frattempo pronunciata anche dalle Nazioni Unite.