ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Italia post-elezioni alla prova dei mercati del debito

Lettura in corso:

L'Italia post-elezioni alla prova dei mercati del debito

Dimensioni di testo Aa Aa

Poteva andare peggio, molto peggio. Nella seconda giornata al cardiopalma per il debito pubblico italiano, il ministero del Tesoro è riuscito a collocare sul mercato tutti i 6 miliardi e mezzo di titoli a 5 e 10 anni.

Come era prevedibile, visto il risultato estremamente incerto delle elezioni, l’asta ha fatto registrare un deciso aumento della percezione del cosiddetto “rischio-Italia” da parte degli investitori. Ma la domanda è stata superiore all’offerta e, soprattutto, i rendimenti sono rimasti sotto la soglia psicologica del 5%.

Presto per festeggiare però, dicono gli analisti, all’Italia serve stabilità di fronte ai mercati.

“E’ questo, in realtà, che chiedono i mercati internazionali”, sottolinea l’analista finanziario Antonio Landolfi. “Una governabilità, anche solo relativamente di breve termine, per poter affrontare quello che ancora forse è tempo residuo negativo che sembra sia rimasto sui mercati”.

La tendenza per ora è vedere il bicchiere mezzo pieno: i rendimenti rispecchiano fondamentalmente il quadro già tracciato dallo spread Btp-Bund, impennatosi dopo il voto.

Il problema è il domani: senza la crezione di un governo anche temporaneo per le riforme, le borse e lo spread daranno ulteriori segnali negativi. L’agenzia di rating Moody’s ha già messo le mani avanti: il debito italiano, hanno detto, è di nuovo a rischio retrocessione.