ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia-Usa: strette di mano per credere alla pace in Siria

Lettura in corso:

Russia-Usa: strette di mano per credere alla pace in Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Sorrisi e strette di mano, per regalare al mondo l’immagine di una possibile intesa sulla Siria tra Russia e Stati Uniti.

Rifiutata ogni dichiarazione ufficiale, John Kerry e Sergei Lavrov non hanno però lesinato a Berlino ammiccamenti e pacche sulle spalle.

Le scarne versioni ufficiali parlano di “incontro serio e fruttuoso” tra i due capi della diplomazia, con Mosca che preme perché Washington induca l’opposizione siriana ad accettare un dialogo incondizionato.

Lavorio diplomatico che interviene nelle stesse ore in cui un gruppo di lavoro degli Amici della Siria si riunisce a Sofia.

Anche qui in Bulgaria l’obiettivo è preparare l’incontro di giovedì a Roma, ma i toni sono decisamente più austeri.

Rispettare l’embargo alla Siria per strangolare il regime di Assad, l’appello rivolto alla comunità internazionale. I partecipanti guardano però avanti e si dicono già pronti ad affrontare col prossimo governo ricostruzione e risanamento del debito.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

(2) Sorrisi e strette di mano, per regalare al mondo l’immagine di una possibile intesa sulla Siria tra Russia e Stati Uniti. Rifiutata ogni dichiarazione ufficiale, John Kerry e Sergei Lavrov non hanno però lesinato a Berlino ammiccamenti e pacche sulle spalle. Le scarne versioni ufficiali parlano di “incontro serio e fruttuoso” tra i due capi della diplomazia, con Mosca che preme perché Washington induca l’opposizione siriana ad accettare un dialogo incondizionato. (27)

(27) Lavorio diplomatico che interviene nelle stesse ore in cui un gruppo di lavoro degli Amici della Siria si riunisce a Sofia. Anche qui in Bulgaria l’obiettivo è preparare l’incontro di giovedì a Roma, ma i toni sono decisamente più austeri. Rispettare l’embargo alla Siria per strangolare il regime di Assad, l’appello rivolto alla comunità internazionale. I partecipanti guardano però avanti e si dicono già pronti ad affrontare col prossimo governo ricostruzione e risanamento del debito. (28/29)