ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rischio ingovernabilità, stampa e elettori si interrogano sul dopo voto

Lettura in corso:

Rischio ingovernabilità, stampa e elettori si interrogano sul dopo voto

Dimensioni di testo Aa Aa

“Ingovernabilità”, è il commento che regna sui giornali italiani all’indomani delle elezioni. “Poche vie d’uscita basate su alleanze quasi impraticabili o numericamente insufficienti”, sostiene La Repubblica. “Ha vinto un’Italia euroscettica”, scrive il Corriere della Sera che indica due vincitori, Grillo, a capo di un “terzo polo populista” e Berlusconi, “sopravvissuto”.

Le reazioni dei cittadini raccolte a Roma:
“Tutto sommato c‘è stato un cinque per cento dei voti che si è spostato dal partito democratico a Grillo. Il dato vero di queste elezioni è che la gente è arrabbiata”.

“Mi auguro che cambino la legge elettorale e che si possa ritornare alle urne per votare di nuovo. O che qualcuno si metta la mano sulla coscienza, che riescano a comunicare, che il Pd e il Movimento 5 stelle trovino una linea comune”.

Se alla Camera la maggioranza è netta, al Senato i, Pd è lontano dalla maggioranza di 158 ed è costretto a cercare alleanze. Grillo conta su più di 50 senatori.

Enrico Bona, euronews:
“Se Mario Monti è stato sostenuto da una strana maggioranza durante un anno, il prossimo primo ministro sarà costretto a costruirsi una maggioranza su ogni provvedimento. Il rischio è la trattativa permanente e un’instabilità che diventa sistema”.