ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Troika in Portogallo tra progressi e difficoltà economiche

Lettura in corso:

La Troika in Portogallo tra progressi e difficoltà economiche

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ il momento del check up – il settimo per la precisione – e a casa del malato Portogallo si sono presentati puntuali i medici della Troika, gli esperti della Banca centrale europea, della Commissione UE e del Fondo monetario internazionale.

Una visita obbligatoria, visto il salvataggio da 78 miliardi accordato al Paese nel 2011.

Nonostante le riforme fatte e i progressi ottenuti – a gennaio il Paese è ritornato con successo ad emettere titoli di debito – l’economia non migliora quanto dovrebbe. La Commissione ha rivisto in negativo le previsioni per quest’anno: una decrescita dell’1,9% contro l’1 previsto in precedenza. E la disoccupazione è ancora a livelli record, appena sotto il 17%.

Per questo motivo, Lisbona chiederà, con ogni probabilità, una proroga sugli obiettivi di riduzione del deficit di bilancio. Nel 2013 l’obiettivo sarebbe il 4,5%, un traguardo già dichiarato troppo lontano però, con le nuove previsioni che parlano del 4,9%.

Il malato non rifiuta la cura, insomma, ma chiede che sia un po’ meno intensiva.