ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cipro, Anastasiades alla prova dei negoziati per il salvataggio

Lettura in corso:

Cipro, Anastasiades alla prova dei negoziati per il salvataggio

Dimensioni di testo Aa Aa

Per le strade di Cipro sono andati in scena festeggiamenti da stadio, ma le vere difficoltà per il neo-eletto presidente Nicos Anastasiades cominciano ora.

Sostenuto dalla Germania di Angela Merkel, convinto europeista, il sessantaseienne leader del principale partito di opposizione – risultato vincitore al ballottaggio con un ampio margine – ha un compito gravoso: ridare vigore ai negoziati per il salvataggio del Paese, a pochi passi dal fallimento a causa dell’esposizione del sistema bancario alla Grecia.

“La mia prima priorità – dichiara – sarà quella di ristabilire la credibilità di Cipro. Sono determinato a lavorare insieme con i nostri partner europei e allo stesso tempo ad adempiere alle nostre responsabilità. Mi impegno a mettere in campo tutte le misure necessarie per portare il Paese fuori dalla crisi economica”.

17 miliardi e mezzo di euro: è la cifra necessaria per salvare Cipro. Poco in confronto a quanto messo in campo per la Grecia, ma molto se si considera che il Pil dell’isola è di poco superiore: 18 miliardi.

Vero nodo dei negoziati sarà ora il ruolo della Russia. Angela Merkel insiste che partecipi al salvataggio, considerati gli ingenti capitali russi presenti nel poco trasparente e poco tassato sistema bancario cipriota. E Anastasiades, nei giorni precedenti al ballottaggio, aveva fatto sapere: l’accordo con la Russia una “priorità immediata”.