ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Regista palestinese corre per l'Oscar, ma rischia l'espulsione dagli USA

Lettura in corso:

Regista palestinese corre per l'Oscar, ma rischia l'espulsione dagli USA

Regista palestinese corre per l'Oscar, ma rischia l'espulsione dagli USA
Dimensioni di testo Aa Aa

Emad Burnat, regista palestinese di «Cinque telecamere rotte», è stato fermato nell’aeroporto di Los Angeles dai funzionari dell’immigrazione americana.

A darne notizia un tweet di Michael Moore. Con il documentario sulla vita di un villaggio palestinese, Burnat corre per l’Oscar. Il regista aveva inviato un sms proprio a Moore per chiedergli aiuto.

“Hanno minacciato di rispedirmi a casa. È molto importante per me essere qui alla cerimonia degli oscar. È un giorno storico per la Palestina. Essere qui e parlare del film”, dice il regista.

E dire che Burnat è sposato con una americana. Dopo circa un’ora e mezza di attesa è stato rilasciato e gli è stato consentito di restare a Los Angeles per una settimana.

Michael Moore ci scherza su: “Credo sia stato un malinteso, Il funzionario della dogana avrà pensato. Certo come no, sei un contadino, sei palestinese e sei nominato per l’Oscar. E io sono nominato per il Nobel”.

Cinque telecamere rotte realizzato assieme al regista israeliano Guy Davidi, descrive dal vero la vita dei palestinesi di Bilin, in Cisgiordania, e delle battaglie ingaggiate con i militari israeliani per la proprietà della terra.