ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nel nuovo Egitto feroci violenze contro le donne

Lettura in corso:

Nel nuovo Egitto feroci violenze contro le donne

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Egitto combatte una nuova battaglia e non solo in piazza Tahrir.
La mancanza di sicurezza rende le piazze egiziane sono teatro di una violenza cieca, animale.

Vittime soprattutto le donne.
Secondo uno studio del Centro egiziano per i diritti umani e dell’Unfpa, il Cairo è la capitale araba delle molestie sessuali, dove quasi la metà delle donne dichiara di subire quotidianamente molestie sessuali e l’83% lo ha sperimentato almeno una volta nella vita.

Una vittima di molestie:
“Un uomo era seduta al mio fianco, sulle ginocchia aveva il suo laptop sul quale sembrava lavorasse.

C’era qualcosa di strano, comunque. Ad un certo punto mi son detta che avrei dovuto chiedergli di spostarsi, mi stava appiccicato.
Mi sono spostata e ho sentito le sue mani su di me. Avrei voluto colpirlo. Purtroppo ci siamo abituate a questo tipo di situazioni. Non posso uscire senza che un uomo mi tocchi. È diventata la norma anche se è disgustoso”.

Il fenomeno si è aggravato negli ultimi tre decenni ma dopo la rivoluzione del 2011 è diventato un’epidemia.

Attivista per i diritti delle donne:

“Non si tratta di un fenomeno nuovo, delle ultime settimane. Si protrae da subito dopo l’inizio della rivoluzione.

Molte le donne che sono vitime di attacchi e di violenze per verificare addiritura la verginità, state attaccate, cui ci si è permessi addirittura di verificare la verginità. Basti ricordare la violenza gli attacchi in occasione della manifestazione per l’8 marzo l’anno scorso.
Le violenze hanno coinvolto anche uomini”.

La transizione in Egitto non è indolore.
Rispetto al passato le donne, oggi, hanno il coraggio di denunciare e di raccontare le proprie storie. In molte si sono strette intorno a HarrassMap l’associazione che raggruppa volontarie che monitorano le molestie sessuali, le denunciano, pattugliano le piazze rischiando la propria incolumità.