ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Guida Michelin 2013 premia il territorio

Lettura in corso:

La Guida Michelin 2013 premia il territorio

Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia torna protagonista nella guida Michelin.

La bibbia della gastronomia ha concesso le tre stelle a 27 chef transalpini, uno in più del 2012, permettendo ai mestoli di Francia di consolidare il secondo posto alle spalle dei giapponesi.

Il vantaggio di giocare in casa premia anche i ristoranti minori. In 39 hanno ottenuto la prima stella, due nella sola Borgogna:

“Abbiamo un buon livello di fidelizzazione del cliente, ma non siamo mai sicuri di noi stessi – spiega Sylvain Gohier chef del ristorante Quartier Gourmand – Cerchiamo di evitare di pensarci troppo. E ora abbiamo la testa fra le nuvole, vogliamo solo festeggiare tutti insieme”.

Nel 2013, Michelin ha voluto premiare la cucina regionale e soprattutto il territorio. Le stelle – è scritto nella guida – sono un tributo alla gastronomia che si ispira al territorio.

“È un piacere, naturalmente – ammette Valery Meulien, titolare di Chez Meulien – È bello essere conosciuti, essere stati notati. Ci dà una grande spinta, ci permette di progredire”.

La new entry nell’olimpo delle tre stelle è Arnaud Donckele, 35 anni, famoso per la sua cucina che celebra il Mediterraneo e la Provenza. Secondo la Guida Michelin, il ristorante la Vague d’or di Donckele vale da solo il viaggio a Saint-Tropez.