ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il premier tunisino rinuncia a formare un governo tecnico

Lettura in corso:

Il premier tunisino rinuncia a formare un governo tecnico

Dimensioni di testo Aa Aa

Hamadi Jebali getta per ora la spugna e rinuncia a formare un governo di tecnici in Tunisia, nel caos dopo l’uccisione di un leader dell’opposizione.

Il premier si è trovato di fronte lo scoglio di Ennahda, il partito islamico di cui fa parte, convinto che solo un governo politico possa affrontare la crisi. Le trattative continuano nei prossimi giorni.

Decine di migliaia di manifestanti di Ennahda sono scesi in piazza sabato a Tunisi a sostegno del governo a guida islamica, al centro di pesanti critiche e accuse in seguito all’uccisione di Chokri Belaid il 6 febbraio.

La morte dell’avvocato specializzato in diritti umani e leader dell’opposizione ha gettato in una profonda crisi il Paese che due anni fa ha dato il via alla Primavera araba.

In piazza sono scesi anche i sostenitori di Chokri Belaid. La vedova aveva chiesto le dimissioni del governo di Jabali, che dopo l’assassinio aveva promesso la formazione di un governo di tecnici per portare il Paese alle elezioni.