ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cipro al voto dopo una campagna elettorale segnata dai temi economici

Lettura in corso:

Cipro al voto dopo una campagna elettorale segnata dai temi economici

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono poco piu di mezzo milione i ciprioti chiamati alle urne domenica per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica.

Il clima elettorale è stato profondamente segnato dai temi della crisi economica.

Tra i punti più dibattuti, la necessità di un ulteriore prestito per pemettere al paese di affrontare un debito pubblico in aumento e recuperare il sistema bancario, duramente scosso dalla crisi in Grecia.

Delusione, nelle parole di questa elettrice, che dice di sperare nel futuro, soprattutto per le nuove generazioni.

Secondo un abitante della capitale, dopo le elezioni si assisterà a un aumento generalizzato dei prezzi e a una perdita ulteriore del potere d’acquisto dei salari. “Uno scenario economico ideale, aggiunge, per generare il panico nella popolazione”.

Secondo alcune stime Cipro avrebbe bisogno di almeno 17 miliardi di euro dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione europea e dalla Banca centrale europea.

Il leader del principale partito dell’opposizione di destra, Nicos Anastasiades, è il grande favorito di questa consultazione, al punto che molti osservatori ipotizzano una sua affermazione già al primo turno.

Il suo principale antagonista, l’ex ministro della sanità Stavros Malas, indipendente e sostenuto dai comunisti attualmente al governo, rimane nei sondaggi a 20 punti di distanza.

“Per la prima volta dalla divisione dell’isola, nel 1974, i temi economici dominano su quelli politici, in un momento in cui i ciprioti affrontano un futuro incerto, nella prospettiva di una crisi economica di lunga durata”.