ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ciprioti al voto per le presidenziali pensando all'economia

Lettura in corso:

Ciprioti al voto per le presidenziali pensando all'economia

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ un voto contro la crisi economica quello che più di mezzo milione di elettori ciprioti infilano oggi nell’urna.

Favorito per succedere al presidente uscente Demetris Christofias è il sessantaseienne Nicos Anastasiades, leader della destra all’opposizione.

Il suo vantaggio nei confronti dell’ex ministro per la Salute Stavros Malas, candidato indipendente ma sostenuto dai comunisti, è talmente netto che potrebbe spuntarla già al primo turno.

Oltre ai candidati minori, in lizza c‘è anche Giorgios Lillikas, 52 anni, appoggiato dai socialisti.

La campagna elettorale è stata dominata dai temi economici, tanto che la questione della quarantennale divisione politica dell’isola è passata in secondo piano.

Lo scorso giugno, Cipro è diventato il quinto membro dell’eurozona a chiedere un piano di salvataggio, ma i negoziati con l’Unione europea e l’Fmi sono andati a rilento. E i ciprioti temono un inasprimento delle misure di austerità già introdotte.

L’inviato di euronews, Stamatis Giannisis:
“La prima sfida del prossimo presidente sarà convincere l’Unione europea che Cipro saprà onorare tutti gli impegni che si assumerà in cambio del salvataggio finanziario. Ma dovrà convincere anche i ciprioti che i loro sacrifici non saranno inutili”.