ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al-Qaida "consapevole" della propria vulnerabilità in Mali

Lettura in corso:

Al-Qaida "consapevole" della propria vulnerabilità in Mali

Dimensioni di testo Aa Aa

Più di un mese dopo l’intervento militare francese, la situazione resta difficile in Mali. Nonostante i gruppi islamisti siano stati allontanati dalle città del nord, all’interno dell’esercito regolare gruppi rivali si combattono.

Profonde divisioni emergono anche tra i miliziani di al-Qaida, come sembra dimostrare un documento trovato a Timbuctu da alcuni giornalisti di un’agenzia di stampa internazionale. Nove pagine firmate dal comandante designato per gestire le operazioni di al-Qaida in Africa che mostrano divergenze su come governare la regione, e che fanno emergere anche quanto il gruppo fosse consapevole della propria vulnerabilità.

Tuttavia l’esercito del Mali resta debole. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si appresta a decidere l’invio di seimila caschi blu. E se la Francia preme per un rapido dispiegamento – anche in vista delle elezioni parlamentari e presidenziali in programma a luglio – alcuni responsabili militari del Mali chiedono a Parigi di restare fino a quando gli islamisti non saranno stati neutralizzati completamente.