ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tobin tax, Bruxelles punta a un tesoretto di 35 miliardi l'anno

Lettura in corso:

Tobin tax, Bruxelles punta a un tesoretto di 35 miliardi l'anno

Dimensioni di testo Aa Aa

Ridurre la speculazione dei mercati e far pagare una parte della crisi alla finanza. E’ quanto punta a ottenere la Commissione europea attraverso la proposta di direttiva sulla Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, illustrata dal Commissario Algirdas Semeta che afferma:“E’ tra i dossier più caldi a livello politico, su cui si discute di più tra i Paesi. Sono però piuttosto ottimista sulla possibilità di arrivare presto a un accordo”.

La tobin tax trova d’accordo 11 Paesi europei, tra cui Italia, Francia e Germania. Applicando un’aliquota dello 0.1% sulle transazioni finanziarie, escluse ovviamente quelle ordinarie di cittadini e imprese, l’Europa punta a generare un tesoretto di 30-35 miliardi di euro l’anno. La tassa non riguarderà il meccanismo europeo di stabilità nè il Fondo europeo di stabilità.

Per i detrattori, però, la tobin tax spingerà investitori e compagnie fuori dai confini europei aggravando la crisi attuale.

James Watson a capo di Chief Europe dichiara:“Se hai un fondo pensione, investita nelle attività di una compagnia- come accade spesso per i fondi pensione-anche come pensionato pagherai la tassa indirettamente”.

Tra i sostenitori della tobin tax Attac, un’organizzazione non governativa nata 15 anni fa con l’obiettivo di devolvere i proventi della tassa alle persone meno agiate.
Jean Flinker, membro di ATTAC, ammette di essere preoccupato che l’obiettivo iniziale della loro battaglia venga dimenticato.
“I ricavi provenienti dalla tobin tax devono essere diretti ai Paesi in via di sviluppo” dichiara Flinker, che aggiunge:” Dobbiamo combattere la politica d’austerità e dobbiamo lavorare ad altre misure per sconfiggere l’industria della finanza, che nonostante la crisi continua ad arrichirsi”.

Londra, dove si concentra il 70% delle transazioni finanziarie europee, ha già espresso la propria contrarietà alla tobin tax. La proposta di direttiva dovrà essere votata all’unanimità dagli 11 Stati favorevoli e soltanto allora la tobin tax sarà realtà.