ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Saluti dalla Berlinale per Panahi

Lettura in corso:

Saluti dalla Berlinale per Panahi

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel 2010 la condanna a 6 anni di carcere, poi commutati in arresti domiciliari e il divieto di fare film per vent’anni. Da questi lacci Jafar Panahi è di nuovo riuscito a liberarsi, facendo pervenire alla Berlinale una pellicola girata in gran segreto. “Closed curtain” parla della sua condizione di artista recluso.

Il nostro inviato a Berlino ha chiesto a Kamboziya Partovi, che ha codiretto il film, di inviare un messaggio all’amico:

“Caro Jafar, mi chiedono di rivolgermi a te. Tu non sei qui, ma è come se ci fossi, perché il tuo film è stato proiettato e quel film sei tu”

Anche l’attrice Maryam Moghadi si rivolge al regista:

“Jafar Panahi, ci manchi così tanto! Vorremmo che tu fossi qui con noi per vedere il film insieme. Mi auguro che la prossima volta ciò sia possibile, a presto!”.

“Closed curtain” è stato probabilmente girato in una villa sulle rive iraniane del Mar Caspio. È un’allegoria della vita dell’artista tagliato fuori dalla società, in cui la realtà irrompe con stratificazioni dal passato, come i poster dei vecchi film di Panahi.

Juliette Binoche interpreta l’artista francese Camille Claudel, in un film che ripercorre la tragica storia della scultrice, rinchiusa dalla famiglia in un ospedale psichiatrico fino alla morte.

La pellicola, diretta da Bruno Dumont e in competizione per l’Orso d’oro, ricostruisce tre giorni della vita in manicomio della donna, che fu la compagna di Auguste Rodin.

“Child’s pose” è stato presentato, in concorso, dal regista rumeno Calin Peter Netzer. È un dramma familiare in cui una madre, interpretata da Lumita Gheorgiu, non riesce ad accettare il fatto che il figlio sia ormai un adulto.

Il nostro inviato Wolfgang Spindler:

“Finora, la Berlinale si è dimostrata all’altezza delle aspettative. In gara ci sono molte pellicole impegnate. E la quota rosa di registe in gara è stata rispettata. Ma stiamo ancora aspettando un film davvero eccezionale che si imponga come candidato naturale all’Orso d’oro”.