ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La 'fragilità' del Vaticano

Lettura in corso:

La 'fragilità' del Vaticano

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Soglio pontificio rimarrà vacante dal prossimo 28 febbraio ma il Vaticano da lunedì appare più fragile. Solo la storia, forse, saprà spiegare le dimissioni di Benedetto XVI: stanchezza fisica o le ‘divisioni nel corpo ecclesiale’ da lui stesso evocate nell’ultima messa in San Pietro. I fedeli intanto si stringono al Papa uscente: “Perdiamo un Papa che ha fatto molto per la Chiesa perché ha saputo conciliare fazioni opposte nella Chiesa e ricomporle e ha saputo mettere assieme il passato e il presente, qualunque cosa ne dicano quelli che danno interpretazioni politiche”.

“Penso che quello che ha fatto il Papa lo renda più grande ed è un episodio rilevante della storia vedere come una persona, analizzando la propria situazione umana, decida di compiere un passo simile per il bene della Chiesa”.

Alberto De Filippis, euronews:
“Una celebrazione del mercoledì delle ceneri diversa da tutte le altre con i fedeli ancora storditi dalle
dimissioni del Papa. Il sentimento predominante è la tristezza in una serata che resterà nella memoria di molti”.