ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giordania: il re promette più riforme

Lettura in corso:

Giordania: il re promette più riforme

Dimensioni di testo Aa Aa

Più riforme, compresa la modifica della legge elettorale. Questo il tratto distintivo del discorso del re Abdallah II di Giordania, che ha inaugurato il nuovo Parlamento dopo le elezioni del 23 gennaio scorso. Una tornata elettorale che ha confermato la vittoria dei tradizionalisti fedeli al regime, dopo il boicottaggio dei Fratelli Musulmani, forza principale dell’opposizione.

“Le elezioni si sono svolte con una legge inadeguata” ha dichiarato Abdallah II. Tuttavia hanno reso possibile l’attuale consenso nazionale. Di conseguenza, chiedo che questa legge venga rivista, così come il sistema elettorale, in modo che vinca il consenso, che promuova una corretta rappresentazione e l’idea di un governo parlamentare e che permetta ai partiti di competere in modo leale”.

Il sovrano ha poi aggiunto che saranno avviate immediatamente le consultazioni per designare il nuovo primo ministro,dopo le dimissioni il 29 gennaio del premier Abdallah Nsour. Il re si è infine impegnato a proseguire le riforme democratiche e ha chiesto al Parlamento di svolgere un ruolo da promotore del dialogo nazionale e di impegnarsi in colloqui con le comunità locali e le forze politiche.