Chiudere
Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?

Skip to main content

Breaking News
|

Il parlamento europeo sfida i 27. Sul budget pluriennale, l’Unione rischia la prima grave rottura istituzionale della sua storia. Dopo la trattativa fiume fra i capi di Stato e di governo, l’ultima parola sul bilancio dei prossimi sette anni spetta all’Assemblea.

Il presidente del parlamento, Martin Schulz, promette battaglia contro un piano definito illegale.

“Non firmerò un budget che crea deficit – spiega il Schulz, intervistato dal giornalista di euronews Claudio Rosmino – Propongo un negoziato per gestire al meglio la situazione. Per esempio, una clausola di revisione alla fine dei prossimi due anni, per controllare nuovamente se stiamo facendo bene o no. Una clausola di revisione a maggioranza qualificata, senza diritto di veto per chiunque”.

La nuova proposta di compromesso per il bilancio 2014-2020 comporta una riduzione di 34 miliardi rispetto ai sette anni precedenti.

14 miliardi di euro in meno solo nel capitolo dedicato a ricerca, competitività e infrastrutture.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
|