ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, primo sì in Parlamento alle nozze gay

Lettura in corso:

Francia, primo sì in Parlamento alle nozze gay

Dimensioni di testo Aa Aa

Il matrimonio per tutti è più vicino. Il Parlamento francese ha approvato, con 249 voti favorevoli e 97 contrari, l’articolo uno della controversa legge, che cancella la necessità di una differenza di sesso tra due persone che si sposano.

Non sono mancate anche sabato le proteste che hanno accompagnato il provvedimento sin dal suo annuncio. Soprattutto a Lione, dove circa 3 mila persone si sono riversate davanti al Municipio, sotto le finestre del senatore-sindaco socialista Gérard Collomb.

Davanti all’assemblea nazionale a Parigi, invece, hanno manifestato un migliaio di presone, col sostegno di alcuni deputati dell’Ump.

“Il matrimonio ha una connotazione specifica: un padre e una madre che hanno lo scopo di avere dei figli. Quindi non due persone dello stesso sesso. Questo è fuori dalla natura della parola matrimonio”.

Il dibattito rimbalza anche in Italia. La presidente di Gay Project, Imma Battaglia, ha affermato che “il gap esistente tra società e politica impedisce in Italia simili provvedimenti”, mentre il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, ha commentato così: “siamo vicini al baratro”.