ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I cento anni della Grand Central Terminal

Lettura in corso:

I cento anni della Grand Central Terminal

Dimensioni di testo Aa Aa

Buon centenario, Grand Central Terminal. I newyorchesi hanno celebrato un simbolo che ha seriamente rischiato di non arrivare a spegnere le cento candeline. Negli anni ’70 il partito della demolizione sembrava destinato a prevalere, ma l’allora sindaco Ed Koch, morto venerdì, ne fu strenuo difensore, assieme a cittadini illustri come Jackie Kennedy.

Tra gli invitati a celebrare il centesimo compleanno l’attrice Cynthia Nixon, più nota come la Miranda di Sex and the city, che così ha raccontato la stazione:

“La Grand Central è tutto ciò che è New York. È grande, è rumorosa, funziona bene, funziona male, è affollata, è rumorosa, è caotica. Ma è anche qualcos’altro che pure New York è e che a volte dimentichiamo. È bella”.

Dagli anni ’90 la stazione, situata nel cuore di Manhattan, la più grande al mondo per numero di banchine, ben 67, ha ritrovato il suo splendore. Serve quotidianamente i “pendolari di lusso” che arrivano dagli eleganti quartieri del nord o dal Massachusetts, che riempiono anche i tanti negozi, spesso di alta gamma, presenti nella storica struttura.