ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: dopo la repressione della piazza anche l'opposizione chiede la fine del regime

Lettura in corso:

Egitto: dopo la repressione della piazza anche l'opposizione chiede la fine del regime

Dimensioni di testo Aa Aa

Una conferma bruciante degli eccessi della polizia egiziana contro i manifestanti. Nel paese già attraversato dalle proteste, queste immagini del Cairo, davanti al palazzo presidenziale, diffondono ulteriore rabbia e sgomento.
La vittima è un dimostrante, che durante le manifestazioni di venerdì è stato gettato a terra, completamente denudato e poi picchiato prima di essere arrestato.

Violenza che il presidente Morsi ha condannato attraverso un comunicato, garantendo l’apertura di un’inchiesta. Anche se secondo i vertici della polizia
l’intervento era necessario: il manifestante, che ora si trova in ospedale, portava con se un carico di bottiglie incediarie.

“Potrebbero essere dei parenti dello stesso ufficiale che ha compiuto questo pestaggio in futuro ad essere picchiati – dice un abitante del Cairo -Condanniamo questa violenza. È un attacco contro una persona, aldilà che sia un ladro o un teppista”.

“Vediamola dalla prospettiva di rispetto dei diritti umani – aggiunge un ragazzo – per nessuna ragione si può giustificare un attacco di questo tipo contro un essere umano. Avrebbero dovuto semplicemente arrestarlo, anzichè picchiarlo”.

Riprendendo le richiesta della piazza ora anche la principale coalizione di opposizione ha chiesto le dimissioni del regime, accusato di aver tradito le istanze della rivoluzione di due anni fa.