ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: Port Said in rivolta contro la sentenza di condanna a morte

Lettura in corso:

Egitto: Port Said in rivolta contro la sentenza di condanna a morte

Dimensioni di testo Aa Aa

È esplosa la rabbia questo sabato in Egitto contro la sentenza che ha condannato alla pena capitale 21 imputati per la strage nello stadio di Port Said che fece 74 vittime. È di almeno 30 morti e trecento feriti, l’ultimo pesante bilancio delle violenze.

Una sentenza politica per gli ultras dell’Ahly del Cairo, sostenitori della rivoluzione, attaccati nel febbraio scorso dai supporter della squadra di casa del Masri. La decisione della corte d’Assise ha versato benzina sul fuoco delle proteste.

I testimoni raccontano di una città in stato di assedio con i parenti degli accusati e i manifestanti che hanno tentato di assaltare la prigione della città e i commissariati. Ovunque si sono sentiti esplodere colpi di armi da fuoco.

In diversi mettono sotto accussa la polizia: “Ha sparato per uccidere”, dice un residente. “Si è verificata la stessa situazione in un’altra città, ma la polizia non ha sparato”, gli fa eco un altro.
“Perché qui ha utilizzato dei proiettili veri? Perché ha voluto uccidere? E chi ne beneficia? Morsi e i supporter della squadra del Cairo?”

Il dispiegamento dell’esercito in serata ha riportato la situazione sotto controllo, ma le rivolte contro la Fratellanza dilagano nel Paese.

Mohammed Shaikhibrahim, euronews: “La sentenza di condanna alla pena capitale emessa dalla Corte per 21 imputati ha fatto esplodere la rabbia nella città di Port Said. Le persone sono convinte di rappresentare un capro espiatorio di dover pagare per controversie politiche.”