ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Moda: a Parigi atmosfere elettrizzanti, decadenti e d'altri tempi

Lettura in corso:

Moda: a Parigi atmosfere elettrizzanti, decadenti e d'altri tempi

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla settimana dell’alta moda di Parigi, alla sfilata di Iris Van Herpen, il pubblico fa un salto sulla sedia quando una misteriosa statua nera comincia a muoversi, propagando scariche elettriche.
Subito dopo, arriva il momento degli abiti e delle modelle.

L’elettricità è il biglietto da visita di questa collezione, i cui lunghi abiti, a volte scuri, a volte dalle tonalità più chiare, sembrano sprigionare scintille in ogni direzione.

Ed ecco che i vestiti – e di conseguenza il corpo di chi li indossa – hanno assunto subito un aspetto aggressivo e nervoso.

L’originalità delle forme trapezoidali conferisce ai capi forte grinta, senza rinunciare a sensualità e femminilità. L’idea della stilista olandese era stupire il pubblico con uno degli spettacoli più originali che Parigi avesse mai visto.

In prima fila alla sfilata di Dior Sigourney Weaver, Jessica Alba e Laetitia Casta.

Un giardino in un giardino, quello delle Tuileries: ecco la location scelta dallo stilista.

Il tema floreale torna su molti abiti, spesso dai colori pastello. Vengono presentati, poi, lunghi capi dai toni chiari, con ampie scollature dal bordo più scuro.
Trovano spazio però anche vestiti dal taglio più classico e giacche con ampi risvolti lilla.

Modelle con pantaloni viola e top floreali sotto lunghe giacche rosso fuoco molto simili a un mantello sfilano elegantemente sulla passerella.

Gonne a due strati vengono portate con disinvoltura sotto bustini bianchi e originali bluse gialle che arrivano all’alltezza del seno.

E poi ancora tanti fiori dei colori più diversi, ricamati soprattutto sulle gonne; a volte in rilievo, altre solo sulla superficie.

L’originalità delle forme traspare soprattutto nei lunghi abiti rosa, molto simili alla coda di una sirena.

Tutt’altra atmosfera alla sfilata di Alexis Mabille, appena promosso ai ranghi dell’alta moda

Indiscusso protagonista sugli abiti il pizzo, presente ovunque: sui bustini orlati di arabeschi e con grandi pieghe, come su camicette con due nastri che si incrociano sopra il seno;

Abiti con gonne dalle forme più squadrate e rigide, che si aprono con un corpetto simile a una gorgiera.

Gonne cucite con cascate di tulle o pieghe di organza.

Tocca poi ad abiti chiari con pieghe svolazzanti sotto il ginocchio, vestiti stretti in vita e capi dalle gonne con allegri sbuffi di pizzo.

Un sontuoso vestito con un enorme gonna arancione mostra lo spirito di una collezione che ricorda gli abiti preziosi delle bambole d’altri tempi.