ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dijsselbloem nuovo Presidente Eurogruppo

Lettura in corso:

Dijsselbloem nuovo Presidente Eurogruppo

Dimensioni di testo Aa Aa

Jeroen Dijsselbloem è il nuovo Presidente dell’Eurogruppo. Con il solo voto contrario della Spagna, l’olandese dal voto sconosciuto al grande pubblico e senza particolare esperienza economica, è stato eletto come successore di Jean-Claude Juncker. Dispiaciuto che la sua elezione non sia stata frutto di un voto unanime, il neo Presidente ha assicurato che Madrid si è detta pronta alla più completa collaborazione.
 
“La solidarietà è in cima alla lista delle mie priorità e sono convinto che lavorare per un bilancio duraturo, un bilancio equilibrato nei vari Paesi non sia in conflitto con l’idea di essere solidali” ha detto.
 
Dichiarazione d’intenti del tutto in linea con gli auspici espressi dal Ministro delle Finanze francese Pierre Moscovici che ha insistito sulla necessità di abolire il metodo dei due pesi due misure.
 
“Quel che mi aspetto dal nuovo Presidente è che non sia il Presidente dei Paesi con la tripla A contro gli altri Paesi, del Nord contro il Sud, dei Paesi virtuosi contro quelli che non lo sarebbero, dell’equilibrio di bilancio contro la crescita. Bisogna riuscire a conciliare tutti questi elementi”.
 
Consolidare l’unione bancaria, il pareggio dei bilanci e creare occupazione sono i punti saldi in cima alla sua agenda. La nostra corrispondente a Bruxelles Margherita Sforza:
 
“Jeroen Dijsselbloem è l’espressione di un’Europa forte, un’Europa che le agenzie di ratgin promuovono a pieni voti. Ma dovrò negoziare con Paesi del Sud Europa come Grecia e Cipro cercando di mantenere l’integrità della zona euro ed evitando di allargare il fossato tra il Nord e il Sud dell’Europa”.