ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le sfide di Obama per il secondo mandato

Lettura in corso:

Le sfide di Obama per il secondo mandato

Dimensioni di testo Aa Aa

Un discorso denso e ugualitario, sul passato ma soprattutto sulle sfide future. Dall’economia alla sanità, dalla politica estera al clima, dall’immigrazione alla parità uomo-donna e ai diritti degli omosessuali, tanti i temi toccati in quindici minuti da Barack Obama.
“Ciò che ci distingue è il credo nell’uguaglianza fra tutti”, esordisce il 44esimo presidente degli Stati Uniti.
 
“Un decennio di guerra sta finendo, sta iniziando una ripresa economica. Le possibilità degli Stati Uniti sono illimitate per noi che possediamo tutte le qualità che richiede questo mondo senza frontiere: giovinezza e impulso, diversità e apertura, la capacità infinita di rischiare e il dono di sapersi reinventare”
 
Ricorda agli statunitensi che per conservare la libertà individuali sono necessarie azioni collettive. In politica estera sottolinea l’impegno a risolvere pacificamente le differenze con altri Paesi.
 
“Sosterremo la democrazia dall’Asia all’Africa, dalle Americhe al Medio Oriente, perché i nostri interessi e la nostra coscienza ci obbligano ad agire per conto di coloro che agognano alla libertà”.
 
“Il nostro viaggio non è completo fino a quando le nostre vedove, le nostre madri e le nostre figlie non potranno guadagnarsi da vivere in proporzione ai loro sforzi”
 
“Il nostro viaggio non è completo fino a quando i nostri fratelli e le nostre sorelle omosessuali non saranno trattati come qualsiasi altro, in base alla legge. Se siamo stati creati uguali, allora sicuramente anche l’amore che dedichiamo agli altri deve essere imparziale”
 
“Il nostro viaggio non è completo fino a quando non troveremo un modo migliore per accogliere gli immigrati che vedono ancora gli Stati Uniti come una terra di opportunità.”
 
Obama ha anche affermato la necessità di regolamentare il mercato e di promuovere le energie sostenibili, per rispondere alla minaccia dei cambiamenti climatici. Infine l’omaggio a Martin Luther King, “we cannot walk alone”, non possiamo camminare da soli.