ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele alle urne, favorito il premier uscente Netanyahu

Lettura in corso:

Israele alle urne, favorito il premier uscente Netanyahu

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla vigilia del voto in Israele, il premier uscente e leader del Likud Benyamin Netanyahu resta il favorito, ma i sondaggi paiono concordi nel preannunciare la necessità di una coalizione, per potersi garantire una maggioranza alla Knesset.

Con l’ex ministro degli Esteri Libermann sotto inchiesta per corruzione, Netanyahu potrebbe dover fare i conti con l’astro nascente della destra israeliana, Naftali Bennet, ex soldato d’elite ed ex imprenditore del web, il cui programma politico si riassume nella opposizione assoluta ad uno stato palestinese.

Mentre i laburisti, la seconda forza politica del paese, attaccano sul piano dell’economia e della politica estera, molti elettori di sinistra hanno scelto una singolare maniera di protestare: quella di regalare il proprio voto ad un palestinese.

“E’ un progetto comune di israeliani e palestinesi per protestare contro la mancanza di vera democrazia in Israele. L’idea è che israeliani diano i loro voti a palestinesi, per permettere ai palestinesi di decidere cosa fare, il giorno del voto, per protestare contro la mancanza di democrazia”.

Gli osservatori sono d’accordo nell’attendersi una ulteriore frantumazione del quadro politico, e uno spostamento a destra dell’elettorato israeliano. Con quali effetti sulla governabilità resta tutto da vedere.