ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: voto anticipato per militari, per Netanyahu prima sfida è Iran

Lettura in corso:

Israele: voto anticipato per militari, per Netanyahu prima sfida è Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

I soldati israeliani sono stati i primi a votare, a due giorni dalle elezioni per il rinnovo del parlamento dello Stato ebraico. Oltre 700 seggi sono stati installati nelle basi dell’esercito in tutto il Paese. I militari non possono votare martedì perché impegnati in diverse operazioni.

Mentre manca poco al voto, i candidati provano a convincere il 15 per cento di elettori indecisi. Favorito il primo ministro Benjamin Netanyahu che ricevendo una delegazione statunitense è tornato a ribadire che il programma nucleare iraniano è la “principale minaccia” per la regione.

Il Likud e gli alleati di Israel Beitenu di Avigdor Lieberman dovrebbero raccogliere una maggioranza risicata di 63 seggi su 120.

A sfidarli c‘è l’ex ministro degli Esteri Tzipi Livni che dovrebbe ottenere 7-8 deputati, con il partito di centro Hatnuha. Ma a sottrarre voti a Netanyahu più probabilmente sarà l’estrema destra religiosa guidata da Naftali Bennett, ex capo di gabinetto del primo ministro, che otterrebbe una dozzina di seggi.