ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mali: la popolazione in fuga dai combattimenti

Lettura in corso:

Mali: la popolazione in fuga dai combattimenti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’intervento francese in Mali accentua la fuga dei civili dalle zone di guerra, nel centro-nord.

Decine di migliaia gli sfollati degli ultimi giorni, quasi tre mila fuggiti all’estero.

Dall’inizio della crisi nel paese, un anno fa, i profughi sarebbero 400 mila. A breve saranno 700 mila, avverte l’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite.

“Laggiù è dura, troppo dura”, racconta una malièna, “non mangiamo, non usciamo, non ci laviamo. I bambini non mangiano da giorni. Abbiamo fame, è per questo che ce ne andiamo”.
E conferma: “Si, stanno bombardando”.

“Gli islamisti ci hanno cacciato per vivere nelle nostre case”, aggiunge un’altra sfollata, “Sono alla ricerca di case con doppie porte per poter mettere le auto all’interno. Usano anche gli alberi per nascondere le auto sotto i rami”.

Organizzazioni umanitarie e paesi vicini si stanno attrezzando per assistere la popolazione, ostacolati da una sicurezza sempre più precaria.