ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: indagato ex ministro delle finanze

Lettura in corso:

Grecia: indagato ex ministro delle finanze

Dimensioni di testo Aa Aa

La Grecia indaga sull’ex ministro delle finanze Giorgos Papaconstantinou.

Con 265 voti su 300, il Parlamento ha detto sì all’istituzione di una commissione d’inchiesta che accerti se l’ex ministro ha soppresso o meno il nome di suoi familiari dalla ‘lista Lagarde’, che enumera i sospetti evasori fiscali del paese.

No invece alle indagini sull’ex ministro delle Finanze e attuale leader del Pasok, Evanghelos
Venizelos, e su due ex premier, Giorgos Papandreou e Lucas Papademos.

Cercano un capro espiatorio, si è difeso Papaconstantinou.

Ma per il governo, è una questione di trasparenza: “Questo voto dimostra ancora una volta la serietà con cui ci dedichiamo a queste cose, alle leggi approvate e alle leggi a venire”, ha commentato il primo ministro Antonis Samaras, “e alla importante riforma fiscale, nel mese di giugno. Si tratta di un passo avanti necessario”.

La commissione, composta da 15 membri, presenterà le proprie conclusioni il prossimo 28 febbraio.

“Un vero cambiamento in Grecia sarebbe un’indagine per eventuali responsabilità penali su un politico in attività”, dice il membro del partito Syriza, Dimitris Papadimoulis, “Ciò avviene in altri paesi europei ma purtroppo non ancora in Grecia”.

La lista Lagarde, stilata dalla direttrice del Fondo monetario internazionale quando era ministro delle finanze francese, è stata inviata da Parigi ad Atene. Infiamma la politica ma non intacca, per ora, l’evasione, male endemico del paese messo all’indice dalla troika.